Segno come mezzo di  espressione Dalla copia dal vero al Realismo Segnico

24 novembre - 25 maggio

Programma

Segno come mezzo di  espressione: Dalla copia dal vero al Realismo Segnico

Prerequisiti

Conoscenza e abilità di base delle tecniche grafico – pittoriche.

Obiettivi del corso

Alla fine del percorso, gli allievi avranno sviluppato un proprio stile grafico, attraverso un metodo utile per riprodurre una personale ricerca artistica, sperimentando molteplici strumenti e tecniche di disegno.

Ogni allievo saprà gestire le varie tecniche grafiche e i soggetti scelti in chiave personale, acquisendo:

 

-​conoscenza dei principali metodi di rappresentazione;

-​consapevolezza di una propria grammatica segnica;

-​abilità sull’utilizzo di personali strumenti tecnici;

-​senso critico e analisi compositiva dei temi rappresentati.

Contenuti

I metodi di rappresentazione affrontati verranno articolato in maniera differenziata, sulla base delle 

caratteristiche stilistiche di ogni singolo allievo, variando di volta in volta modalità e soggetti da rappresentare secondo una personale ricerca artistica. Gli allievi avranno modo di cimentarsi nel disegno attraverso varie procedure di rappresentazione: la copia e l’interpretazione dal vero di composizioni di oggetti, busti in gesso, figura umana e la copia di un’immagine fotografica con l’utilizzo della quadrettatura. 

Le prime lezioni saranno impostate analizzando:

 

-​metodi di composizione e rappresentazione grafico – strutturale;

-​approfondimenti sui metodi e le tecniche chiaroscurali;

-​analisi delle scelte tematiche.

 

Ogni singolo allievo, affronterà lo studio di una personale ricerca artistica, lavorando attraverso copie dal vero e/o riproduzioni fotografiche. In seguito, gli insegnamenti saranno personalizzati sulla base delle esigenze di ogni singolo corsista, in maniera tale da poter sperimentare varie tipologie di supporti e modalità grafiche affini alla propria sensibilità.

Modalità didattiche

Le lezioni si svolgeranno nelle aule predisposte dall’Accademia, organizzando gli spazi sulla base dell’attività svolta, modificandoli se necessario di volta in volta in modo tale da lavorare comodamente in autonomia, ma con un continuo confronto tra i corsisti stessi e il docente. Si farà uso di oggetti di vario genere per la copia dal vero, di svariati busti classici in gesso e di fotocopie a colori e bianco e nero.  Il fare pratico e il confronto professionale saranno alla base delle lezioni proposte.

I soggetti saranno rappresentati attraverso svariati strumenti: matite morbide, matite grasse, carboncini, penna biro, matite colorate acquerellabili, gessetti, pastelli, grafite acquerellabile, ecc. 

Nelle ultime 8 lezioni si affronterà il disegno dal vero con la figura umana, dove la modella poserà imitando opere d’arte famose, per cimentarsi nello studio del corpo umano e allo stesso tempo affrontare una sorta di copia dell’opera d’arte dal vero. La stessa posa per ogni lezione si dividerà in 3 tempi da 45 minuti, in maniera tale da poter dar l’opportunità ad ogni allievo di esercitarsi su un’unica posa per tutta la durata 

della lezione. 

 

Indicazioni bibliografiche

Dal confronto tra docente e allievi, sulla base di specifiche esigenze dei corsisti, daranno modo all’insegnante di consigliare artisti, testi e siti internet relativi al caso.

 

Materiale didattico

Per la prima lezione è necessario che ogni corsista abbia almeno un paio di fogli di carta bianca e ruvida dal formato 50 x 70 cm, matite 2B, 4B, 6B, gomma bianca dura, gomma pane, temperino, taglierino, scotch carta, gessetti bianchi. Successivamente verranno consigliati materiali specifici ad ogni allievo sulla base delle proprie esigenze artistiche.

Condividi il corso