Pastello: cipria di luce, la polvere dei sogni

06 marzo - 22 maggio

Programma

Cipria di luce, la polvere dei sogni

Il pastello è una tecnica di disegno che usa bastoncini di pigmento colorato. La percentuale del legante (colla) è ridotta al minimo per assicurare l'adesione dei pigmenti al foglio. Il colore risulta quindi purissimo e luminoso; questa caratteristica viene esaltata utilizzando carta più o meno ruvida.

Oggi con il termine pastello s’intendono molte cose come crete, gessetti, matite, pastelli a cera o ad olio.

Per evitare confusioni precisiamo che il pastello che noi useremo sarà quello classico, il morbido quello per intenderci usato da Rosalba Carriera, da Watteaux, da Millet, dagli Impressionisti, da Picasso e oggi da Piero Guccione.

Ciò non toglie che possiamo a seconda delle esigenze espressive di ciascun allievo far ricorso anche a carboncini, fusaggini, matite ecc

Il Corso si addentrerà nel mondo dell’immagine e dell’arte con una duplice finalità: comprensione e produzione.

Il laboratorio sarà la fucina operativa ideale, dove ogni allievo sarà seguito e indirizzato, secondo le proprie convinzioni ed attitudini, ad esprimere il meglio nella realizzazione dei propri elaborati.

Ci saranno opportuni riferimenti alla Storia dell’arte, e approfondimenti tecnici nell’uso dei materiali, colori, fissativi e con particolare attenzione ai supporti: carte, cartoncini e altro. Analizzeremo le varie possibilità espressive, approfondendo la tecnica della cancellatura, del frottage , dello sfumato e della velatura.

Nelle elaborazioni dell’immagine si utilizzeranno tutti gli strumenti utili a tal scopo, dal proiettore, alla fotografia, dalla fotocopia, all’osservazione dal vero.

Nessuna preclusione agli stili e agli orientamenti estetici. Tratteremo e approfondiremo il figurativo e l’astratto. Il mondo del reale e quello della fantasia.

Ogni allievo avrà modo di definire un proprio percorso creativo assolutamente personale e con l’augurio che sia unico e originale.

 

 

 

 

Condividi il corso